ΤΟ ΝΕΟ ΠΡΟΓΡΑΜΜΑ 2010-11

KLIKKKKKKKKKKKKKKK

EUROART PRESS 1: ΤΟ ΝΕΟ ΠΡΟΓΡΑΜΜΑ 2010-11 ART-ACT

art-act THE NEW PLAN 2010-11

http://2010-2011-programa-art-act.blogspot.com/
ALL THE SELECTED DATA COME FROM INFORMATIONAL E-MAILS (BY ARTISTS AND GALLERIES) TO THE EUROART PRESS.


MATERIAL SELECTION IS UNDER THE EDITORSHIP OF CHRISTOS THEOFILIS.


YOU CAN SEND PHOTO AND INFORMATION OF YOUR EXHIBITION TO ART-ACT@TELLAS.GR AND IF IT IS CHOSEN,ΙΤ WILL BE POSTED IN EUROART PRESS.
ΟΛΕΣ ΟΙ ΕΠΙΛΕΓΜΕΝΕΣ ΑΝΑΡΤΗΣΕΙΣ ΕΙΝΑΙ ΑΠΟ ΕΝΗΜΕΡΩΣΕΙΣ 'E-MAIL' GALLERY - ΕΙΚΑΣΤΙΚΩΝ - ΕΝΤΥΠΩΝ ΤΕΧΝΗΣ ΠΡΟΣ ΤΟ EUROART PRESS
ΣΤΕΙΛΤΕ ΣΤΟART-ACT@TELLAS.GR ΤΙΣ ΕΚΘΕΣΕΙΣ ΣΑΣ ΦΩΤΟ. ΔΕΛΤΙΟ ΤΥΠΟΥ ΚΑΙ ΑΝ ΕΠΙΛΕΓΟΥΝ ΘΑ ΑΝΑΡΤΗΘΟΥΝ

ΕΠΙΜΕΛΕΙΑ ΥΛΗΣ ΕΠΙΛΟΓΗ ΧΡΗΣΤΟΣ Ν. ΘΕΟΦΙΛΗΣ



[Π. ΓΕΝ.ΓΡΑΜΜΑΤΕΑΣ Ο.Σ.Δ.Ε.Ε.Τ.Ε./ Π.ΤΑΜΙΑΣ ΤΟΥ Ε.Ε.Τ.Ε. / ΜΕΛΟΣ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΑΣ ΕΝΩΣΗΣ ΛΟΓΟΤΕΧΝΩΝ Π.Ε.Λ. / ΜΕΛΟΣ A.I.C.L. ASSOCIATION INTERNATIONALE DE LA CRITIQUE LITTERAIRE /ΕΠΙΜΕΛΗΤΗΣ ΕΚΘΕΣΕΩΝ/ επιμελητής της στήλης 'αυτοπροσδιορισμοί' των σελίδων γράμματα - τέχνες - εικαστικά της εφημερίδας 'η αυγή' και συνεργάτης του περιοδικού ΄Culture΄ της εφημερίδας ‘’ο κόσμος του επενδυτή’’]


Διαβάστε με το ποντίκι, THN ΣΤΗΛΗ 'ΑΥΤΟΠΡΟΣΔΙΟΡΙΣΜΟΙ' ΣΤΗΝ ΕΦΗΜΕΡΙΔΑ ' Η ΑΥΓΗ '

Διαβάστε με το ποντίκι, THN ΣΤΗΛΗ 'ΑΥΤΟΠΡΟΣΔΙΟΡΙΣΜΟΙ' ΣΤΗΝ ΕΦΗΜΕΡΙΔΑ ' Η ΑΥΓΗ '

'ΑΥΤΟΠΡΟΣΔΙΟΡΙΣΜΟΙ'

ΓΙΑ ΤΗΝ ΑΝΑΠΤΥΞΗ ΛΕΙΤΟΥΡΓΙΚΗΣ ΠΟΛΙΤΙΣΜΙΚΗΣ ΑΠΟΨΗΣ.
Η ΣΤΗΛΗ ΛΕΙΤΟΥΡΓΕΙ ΩΣ ΚΕΛΥΦΟΣ ΛΟΓΟΥ – ΟΡΑΜΑΤΟΣ - ΠΡΟΘΕΣΗΣ ΚΑΙ ΚΑΤΑΓΡΑΦΗΣ ΤΟΥ ΧΩΡΟΥ-ΧΡΟΝΟΥ ΠΟΥ ΔΡΑ Ο ΣΥΓΧΡΟΝΟΣ ΔΗΜΙΟΥΡΓΟΣ.
ΟΙ ‘ΣΥΝΔΑΙΤΥΜΟΝΕΣ ‘ ΑΥΤΟΠΡΟΣΔΙΟΡΙΖΟΝΤΑΙ ΚΑΙ ΑΠΟΤΕΛΟΥΝ ΤΟ ΟΧΗΜΑ ΥΛΟΠΟΙΗΣΗΣ ΤΗΣ ΙΔΕΑΣ ΓΙΑ ΑΝΟΙΧΤΟ ΔΙΑΛΟΓΟ.ΠΡΟΤΑΣΗ-ΕΠΙΜΕΛΕΙΑ ΧΡΗΣΤΟΣ Ν. ΘΕΟΦΙΛΗΣ art-act@tellas.gr



11/03/2009 Χαράλαμπος Δαραδήμος ΟΣΔΕΕΤΕ http://www.avgi.gr/NavigateActiongo.action?articleID=440930


25/03/2009 Γιάννα Γραμματοπούλου ΠΣΑΤ http://www.avgi.gr/NavigateActiongo.action?articleID=440929

08/04/2009 Μαρία Μαραγκού Eλληνικό τμήμα της Διεθνούς Ένωσης Κριτικών Τέχνης, (ΑICA) http://www.avgi.gr/NavigateActiongo.action?articleID=445553

15/04/2009 ΜΙΧΑΛΗΣ ΑΡΦΑΡΑΣ http://www.avgi.gr/NavigateActiongo.action?articleID=441565

22/04/2009 ΓΙΩΡΓΟΣ ΓΥΠΑΡΑΚΗΣ http://www.avgi.gr/NavigateActiongo.action?articleID=441564

06/05/2009 Μανώλης Ζαχαριουδάκης http://www.avgi.gr/NavigateActiongo.action?articleID=441563

20/05/2009 ΞΕΝΗΣ ΣΑΧΙΝΗΣ http://www.avgi.gr/NavigateActiongo.action?articleID=441561

Ημερομηνία δημοσίευσης: 03/06/2009 Αννα Χατζηγιαννάκη http://www.avgi.gr/ArticleActionshow.action?articleID=463805

ΘΑΝΑΣΗΣ ΜΟΥΤΣΟΠΟΥΛΟΣ Ημερομηνία δημοσίευσης: 17/06/2009 http://www.avgi.gr/ArticleActionshow.action?articleID=468143

ΡΟΓΚΑΚΟΣ ΜΕΓΑΚΛΗΣ http://www.avgi.gr/ArticleActionshow.action?articleID=492005

ΑΓΡΑΦΙΩΤΗΣ ΔΗΜΟΣΘΕΝΗΣ http://www.avgi.gr/ArticleActionshow.action?articleID=493924


ΗΛΙΑΣ ΧΑΡΙΣΗΣ Ημερομηνία δημοσίευσης: 07/10/2009 http://www.avgi.gr/ArticleActionshow.action?articleID=496002

Αναγνώστες

klikk Αναγνώστες για αμεση ενημερωση

klikk   Αναγνώστες  για αμεση ενημερωση

ΚΑΝΕ ΚΛΙΚ ΣTA BLOGSPOTS TOY ΑRT-ACT@TELLAS.GR

Αρχειοθήκη ιστολογίου

Τετάρτη, 3 Ιουνίου 2009

Artemisia Contemporanea [direzione@artemisiacontemporanea.it] Teresa Marasca: Fior d'Oriente - Galleria Artemisia





TERESA MARASCA

Fior d'Oriente



a cura di Antonio G. Benemia e Stefano Tonti





Galleria Artemisia Arte Contemporanea

Via Nino Bixio, 39 - Falconara M. (An)

tel. 071.9175795

www.artemisiacontemporanea.it




dal 6 giugno al 5 luglio 2009

inaugurazione sabato 6 giugno 2009 ore 17.30





orario: tutti i giorni dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 19.30

domenica pomeriggio e lunedì chiuso







Sono passati quasi novantadue anni dalla Fontana e, dopo l’estremizzazione duchampiana, le cui estreme conseguenze sono arrivate fino all’annullamento dell’”oggetto” quale prodotto del fare artistico, gli anni Ottanta hanno visto la rifioritura di quella “pratica” - la pittura - che sembrava appartenere ad un passato prossimo se non remoto. E Aperto 82 della 40° Biennale di Venezia apriva, dopo le indigestioni concettualiste, alla pittura di un numero di giovani che avevano riscoperto l’antico mestiere del pittore; tra questi c’era anche Teresa Marasca.

Tra transavanguardisti e neomanieristi, la via che intrapresero alcuni di quei giovani pittori rispecchia un pensiero che arrovellava la mente di Johann J. Winckelmann - il teorico del neo classicismo - e che può essere trasposto a quegli anni e ai nostri, quale condizione dell’ “artista moderno (che) si trova qui (il tempo dell’”idea”) come in un deserto”, ma che con il pensiero supera la sua tavolozza, per intraprendere un nuovo cammino nel corpo dell’arte e della storia.

Quello che è sempre stato fatto e a cui l’artista Teresa Marasca non ha mai sentito il “dovere” di sottrarsi.

Il suo neo e astratto iconismo degli anni Ottanta nasce da una attenta e, al contempo, inconscia valutazione di quelle avanguardie storiche - astrattismo e surrealismo - e di alcuni “isolati” come Osvaldo Licini, che avevano fatto della trasfigurazione del fenomenico e dell’onirico l’oggetto fondante le proprie poetiche. Ciò porta inevitabilmente al pensiero di Giovan Pietro Bellori, il teorico del nuovo classicismo seicentesco, fondato sull’idea tutta romana della pittura come ut pictura poesis (muta poesia). E non è nemmeno un caso che queste avanguardie rivalutarono proprio quello che altre avanguardie per qualche tempo cercarono di escludere dalla mente dell’artista. E chissà perché un pittore del paleolitico, uno di quelli che hanno riempito le grotte di immagini di animali conosciuti, improvvisamente ha dipinto un liocorno, un animale che non esiste!, giustificando così l’idea, che da sempre è nella mente dell’artista, di dipingere quel qual cosa che sta oltre la realtà.

Ecco allora tutta la serie delle “trasparenze” , dove i nudi si fanno essi stesse trasparenze di un vissuto che sta nell’onirico, oppure le campiture di caldi colori che diventano il campo di linguaggi alchemici, simboli anch’essi di un mondo sovra reale, accampandosi con delicata poesia pittorica ai nostri pensieri.

I Novanta lentamente passano dall’iconismo astrattista ad una preferenza verso un’icona che già si intuisce diventerà il “sacro” della sua pittura: le sue emblematiche figure femminili si installano nello spazio pittorico come si impone la Dama col mazzolino di Andrea del Verrocchio, L’ignota di Desiderio da Settignasno o il Ritratto di Gentildonna di Antonio del Pollaiolo; una rivisitazione classicista, giustificata perché fondata tutta sulla ieraticità dell’indeterminato, sulla vaghezza del “personaggio” fantasticato e dipinto.

Gli anni del Duemila sono quelli in cui le “regine” si impreziosiscono di magiche scritture e di profumi d’Oriente, quello Vicino e quello Estremo, che la portano a vedere nella bizantina Teodora o in una qualche regina del mitico Langkasuka, l’estrema essenza del femminile.

Donna dunque, come figura sacra e mitica, ancestrale, presente e attuale quale feconda genitrice di vita, di bellezza, di eros e di enigmi biblici o buddisti, sempre in bilico tra la comprensione e il frammento di un linguaggio-scrittura, che volutamente vuol essere allusivo, perché parte integrante e inalienabile da sempre del fare pittura. (Antonio G. Benemia)



Teresa Marasca nasce a Montefano (MC) nel 1955. Diplomata all’Accademia di Belle Arti di Macerata, si occupa di ricerca artistica nel campo della pittura e dell’installazione fin dagli anni ’80. Ha partecipato alla Biennale di Venezia - Aperto’82.

Teresa Marasca ha partecipato ad importanti mostre tra le quali quelle dell’83 al Palazzo Ducale di Pesaro e al Centro Arti Visive del Palazzo dei Diamanti di Ferrara. Da citare, nel 1992, Il tempo della vita, Museo di Storia Cinese, Pechino – CINA e Dall'architettura alla poetica dei luoghi, - installazione nella "piazzetta del Sabato del Villaggio", Recanati (MC). Nel ’96, Gli Angeli sopra Roma - verso il Giubileo e La Maledizione delle Ali - O Art. Gallery Internet, Roma. Sempre a Roma, nel 2001, espone per la Hall della Casa di Cura “Life Hospital” 5 grandi pannelli del ciclo della vita Life. Del 2003 è Memoria e ou-topos, mostra monografica, Palazzo del Rettorato, Ancona. Nel 2005 dona una pala, raffigurante la Madonna dalla lettura dell’Apocalisse, al Presbiterio dell’Abbazia di Rambona. Nel 2007 realizza il progetto per la decorazione della piscina del Centro benessere a Borgo Lanciano – Castelraimondo (MC). Del 2008 la mostra La terra ha bisogno degli uomini, Reggia di Caserta. Ha pubblicato Il corpo, metamorfosi, immagine, immaginazione, Antonio Olmi Editore.

E’ docente di Anatomia Artistica e responsabile dell’Ufficio Relazioni Internazionali Erasmus presso l'Accademia di Belle Arti di Macerata.
KANE KLIKKKK παλαιοτερες αναρτησεις

GALLERY ΕΠΙΛΟΓΗ-ΑΙΘΟΥΣΕΣ ΤΕΧΝΗΣ ΜΕ ΑΠΟΨΗ

GALLERY ΕΠΙΛΟΓΗ-ΑΙΘΟΥΣΕΣ ΤΕΧΝΗΣ ΜΕ ΑΠΟΨΗ GALLERY ΕΠΙΛΟΓΗ-ΑΙΘΟΥΣΕΣ ΤΕΧΝΗΣ ΜΕ ΑΠΟΨΗ